.
Annunci online

the land of the long white cloud
strani pensieri
post pubblicato in Poesie, il 16 marzo 2006
...mi abituo all'idea che la mia nonna presto non ci sarà più...
...ma poi, quando arriverà il momento, sarò davvero pronta ad accettarlo?
Cosa strana é la morte, la temi prima del suo arrivo, temi il cammino di dolore che là conduce.
Una volta giunto, dovresti sentirtene sollevato...perchè non é così?
E' la piccolezza umana che ci lega a noi stessi, impedendoci di provare sollievo alla mancanza, pur -finalmente- in assenza di dolore.



permalink | inviato da il 16/3/2006 alle 8:49 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (8) | Versione per la stampa
C'é
post pubblicato in Poesie, il 21 febbraio 2006
c'é che Matteo giovedì si laurea
c'é che stasera ci si trova per il cartellone di laurea
c'é che la sera sono stanca e la mattina di più
c'é che nel week-end ho dormito 24 ore filate o quasi
c'é che di domenica sera é bello trovarsi intorno al tavolo a parlare
c'é che la pizza é venuta proprio bene venerdì sera
c'é che la vita é una trottola che gira vorticosamente
c'é che ogni tanto vorrei fermarmi a prendere fiato
c'é che però mi piace girare così veloce
c'é che la mattina la pioggia sa già di primavera
c'é che tra una settimana vado a Berlino a trovare un'amica
c'é che é passato quasi un anno da quando sono tornata
c'é che questo lavoro é un inferno ed una droga
c'é che lo yoga il lunedì sera é un toccasana
c'é che devo portare la macchina a fare la revisione
c'é che...
c'é che...
c'é che la vita é come l'avevo immaginata



permalink | inviato da il 21/2/2006 alle 9:15 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (13) | Versione per la stampa
Qui é così:
post pubblicato in Poesie, il 20 febbraio 2006

L'uomo sfera

di Tarozzi - Gaber

Si muove la palla
salta, rimbalza, oscilla, saltella, cade, si rialza
scivola, ondeggia, s’immerge, galleggia
si gonfia, si dilata, si schiaccia, si comprime
è inutile, inutile, inutile.

Com’è grande e vuota, è bianca e molle
tenera, leggera, quieta e piena d’aria
trasparente, fragile, tonda, liscia
levigata, plasmabile, umida, viscida
inutile, inutile, inutile.

Non è niente di speciale
e non è poi tanto strana
ha una vita quasi umana
con le sue difficoltà.
Non ha neanche un gran valore
non pretende quasi niente
e si vende facilmente
senza troppa dignità.

[Parlato] "Sì, sì certo come vuole lei, come desidera, solo se mi consente volevo dire una cosa, una soltanto. Ah no? Non c’è niente da dire, ha ragione, mi scusi, comunque disponga pure di me quando vuole".
"Ah, ah, ah, buona questa, ah, ah, ah, ah"


Ma tu dimmi non lo sai
quanto schifo che ti fai.

Si muove l’uomo
salta, rimbalza, oscilla, saltella, cade, si rialza
scivola, ondeggia, s’immerge, galleggia
si gonfia, si dilata, si schiaccia, si comprime
è inutile, inutile, inutile.

Com’è grande e vuoto, è docile, fragile
ubbidiente, riflessivo, indifeso, inoffensivo
debole, meschino, vigliacco, inchinato
prostrato, sudato, consenziente, affaticato
inutile, inutile, inutile
un uomo inutile
inutile, inutile
un palla inutile.

-----Messaggio originale-----
Da: Dxxxxx Andrea
Inviato: lunedì 20 febbraio 2006 15:07
A: Fxxxx Anna
Oggetto: R: L'uomo sfera

 

Allora prima mi hai ascoltato……..

 

Come puoi vedere questa canzone evidenzia un aspetto tristissimo di molte vite che annaspano nel tessuto aziendale e non credo solo di AG…….ma d’altronde il mondo è una sfera……….e forse anche noi ci siamo dentro.

 

Qualche giorno fa mio cugino, laureato 110 e lode di 43 anni, si è licenziato in tronco dalla Compagnia che lo ha assunto 15 anni fa perché ha detto di non sopportare più quella vita……….ora è senza lavoro e sta rimandano tutte le decisioni a più avanti (d’altronde non ha figli)………

Io non so cosa dirgli……mi viene da pensare che ha sbagliato a rinunciare ad un posto fisso ma poi anche penso che almeno lui ha avuto coraggio……….

 

Comunque in tutto quello che si fa ci deve essere qualcosa di positivo e anche se è una briciola, talvolta, bisogna saperla valorizzare.

 

Noi ad esempio, come ti raccontavo tempo fa, possiamo interpretare questo lavoro come una missione che va al di la dell’obiettivo meramente aziendale.

Parlare con la gente e sforzarsi di capire per dare un consiglio, indicare una strada, pilotare un’opportunità………………

E soprattutto fare questo mettendoci sempre un po’ di cuore perché altrimenti tutto quello che si fa è inutile.

 

Scusa le divagazioni sbilenche delle 15.02.

 

Un abbraccio ad Annuzza bedda che diventerà sempre più brava a capire le persone.

Ecco, poi, per fortuna, ci sono questi colleghi qui, che ci salvano ogni giorno un pezzetto di vita.
Grazie Andrea!




permalink | inviato da il 20/2/2006 alle 11:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
Comunicazione: ascoltare e poi parlare
post pubblicato in Poesie, il 20 gennaio 2005

"Ascoltate bene. Almeno che non pensiate di avere sempre ragione, e devo ancora conoscere qualcuno cosi', e' difficile che i benefici dell'essere un buon ascoltatore siano sopravvalutati. (...) Ascoltare bene favorisce le buone decisioni, permette alle idee innovative di vedere la luce del giorno, aiuta ad avere una buona comunicazione, ed e' un grande stimolo alla motivazione. Infatti ascoltare rivela un rispetto onesto verso colui che parla. Aiuta le persone a sentirsi vincenti. E trasmette pienamente l'aspettativa di grande contributo."

J.P. (PROSPETTIVA DI UN SENIOR MANAGER SULLA COMUNICAZIONE INTERPERSONALE)

Io nell'ascolto credo di cavarmela bene, ma perche' poi, quando serve, non spiaccico parola e se la spiaccico, lo faccio male?
Forse non ascolto cosi' bene come credo: e' l'unica risposta che mi so dare.
Vabbe', vado a casa. Sono le 8 di sera: per oggi ho dato il mio!
MANDI!




permalink | inviato da il 20/1/2005 alle 20:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
Grado
post pubblicato in Poesie, il 18 gennaio 2005
... arrivo a Grado attraverso una sottile linea di terra
che la luce accecante del sole estivo
fonde con il verde cristallino della laguna ed è come attraversare la barriera

che divide realtà e sogno
e il silenzio bisbiglia
serpeggiando per le calli deserte
storie e leggende passate
di un luogo così vicino
eppure così fuori dal tempo
dove le cose al tramonto
perdono la loro essenza
trasfondendosi in emozioni
ll sussurro del mare appena al di là
di quelle case sopravvive
inalterato da secoli
e per millenni ancora a venire...

Elisa Ius



permalink | inviato da il 18/1/2005 alle 17:19 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
post pubblicato in Poesie, il 11 gennaio 2005

"Ho chiesto FORZA e Dio mi ha dato difficolta' per farmi forte.
Ho chiesto SAGGEZZA e Dio mi ha dato problemi da risolvere.
...non ho ricevuto niente di cio' che ho chiesto;
ho ricevuto tutto cio' di cui avevo bisogno."

Ho riletto queste poche parole ieri sera, parole trascritte in altre situazioni, con altri pensieri in testa, ma mi sono sentita meglio comunque...oggi e' ugualmente difficile tutto, ma rileggere questa frase mi da' un po' di coraggio in piu'.




permalink | inviato da il 11/1/2005 alle 14:14 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
post pubblicato in Poesie, il 30 novembre 2004

IO SEMPRE IN PRIMA FILA

QUANDO C’E’ DA SPERARE


Anna Maria Carpi

 


                                    Dicono tutti:


                                                            “Ah, la volutta’ del proibito!”


                                                            Io non capisco.


                                                            Io non ho mai cercato che il permesso,


                                                            le porte aperte,


                                                            le stanze calde,


                                                            e come arrivare allastanza del trono.

Io sempre in prima fila


Quando c’e’ da sperare,


sempre in ammirazione


per chi fa qualche cosa,


forse, mi dico,


mi prendera’ con se’,


poi son delusa a morte e mi ubriaco


di utopie e apocalissi.


                                            Per fortuna gli altri non lo sanno,


                                                            i cari altri


                                                            che tutto possono,


                                                            da cui tutto dipende:


                                                            io sono peggio del cucciolo che sbrana


                                                            il cuscino, la cuccia


                                                            se lo lasciano a casa,


                                                            io sbrano anche me stessa.


                       


 


                                                                                       da Compagni corpi, 2004




permalink | inviato da il 30/11/2004 alle 17:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
What makes the Difference
post pubblicato in Poesie, il 5 novembre 2004

The road we see ahead of us is long

But it becomes very short if we approach

Dreams sometimes delay, but our breath never ceases

If a live dog is better than a dead lion,

Then we can still dream once we continue to breath

 

Dreams make the difference

A dream is a demarcation between success and failure

Never say is over

We all see our dreams in the sky hoping to be there one day

Friends!! Life sometimes gets confusing

Losing hope at every step taken

Looking at your own shadow chasing after you from all directions

 

Never say is over

The rising of the sun from the west gives us hope

Again, setting of the same sun makes us to continue dreaming

Not able to succeed the second time does not mean you fail

Failure is only a postponed success

As long as courage coaches ambition, Never say is over

Life sometimes requires learning and going through hard times

But we must continue to dream and keep walking

 

Darkness sometimes arrives earlier than expected and the day very late

Our toil does not signifies the end of our dreams

Nothing happens and nothing is achieved if we cannot dream

The only way of success is a habit of persistence

Again, keep on walking and dreaming

For a dream magnifies today into tomorrow

 

Samuel Teckpor, Gahana friend from MIB14




permalink | inviato da il 5/11/2004 alle 18:10 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sometimes I feel like that
post pubblicato in Poesie, il 16 settembre 2004



"IL GUERRIERO DELLA LUCE CONTEMPLA LE DUE COLONNE CHE FIANCHEGGIANO LA PORTA CHE INTENDE APRIRE. UNA SI CHIAMA 'Paura', L'ALTRA 'Desiderio'. IL GUERRIERO GUARDA LA COLONNA DELLA PAURA, SULLA QUALE E' SCRITTO: 'Entrerai in un mondo sconosciuto e pericoloso, dove tutto ciò che hai appreso finora non servirà a niente'. POI OSSERVA LA COLONNA DEL DESIDERIO, SOPRA LA QUALE LEGGE: 'Uscirai da un mondo conosciuto, dove sono custodite le cose che hai sempre voluto, e per le qual hai lottato duramente'. IL GUERRIERO SORRIDE PERCHE' NON ESISTE NIENTE CHE LO SPAVENTI, NE' CHE LO LEGHI. CON LA SICUREZZA DI CHI SA CIO' CHE VUOLE, APRE LA PORTA."




Paulo Coehlo "Il Manuale del Guerriero della Luce"




permalink | inviato da il 16/9/2004 alle 16:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
Autunno
post pubblicato in Poesie, il 2 maggio 2004

Eravamo foglie diverse


Che crescevano insieme


Nutrite dallo stesso albero.


 


Ora è autunno,


Cadiamo dai rami


E ci disperdiamo al vento.




permalink | inviato da il 2/5/2004 alle 11:13 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa
Sfoglia febbraio       
tag cloud
links
calendario
cerca